Chi siamo

La Scuola di Lingue Campus nasce con l’obiettivo di fornire a tutti coloro che desiderano acquisire la conoscenza delle lingue straniere, uno strumento competitivo in un mondo sempre più globalizzato.

La scuola è emanazione della Fondazione Campus di Lucca che da più di dieci anni è impegnata in attività di formazione universitaria, di ricerca e di formazione avanzata nel campo del turismo e del management.

La Scuola di Lingue di Fondazione Campus offre l’opportunità di frequentare corsi di lingua straniera con docenti madrelingua di provata esperienza didattica.

La Scuola di Lingue Campus propone corsi di lingue Business di inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, un corso di lingue e culture orientali e corsi di italiano per stranieri

Tutti i corsi sono progettati per conciliare le esigenze di vita e di lavoro dei partecipanti e sono svolti attraverso orari flessibili, contenuti modulabili, metodologie innovative, formule weekend, ‘in azienda’ e full immersion.

I docenti della Scuola di Lingue Campus sono tutti madrelingua con elevata professionalità ed esperienza anche in ambito internazionale.

LA CITTÀ DI LUCCA

presentazione

Lucca è famosa per la sua intatta cinta muraria del XV-XVII secolo, che descrive un perimetro di circa 4,5 km intorno al nucleo storico della città e ne fa uno dei 4 capoluoghi di provincia italiani ad avere una cerchia muraria intatta (assieme a Ferrara, Grosseto e Bergamo). Come conseguenza anche il centro storico monumentale della città è rimasto quasi del tutto intatto nel suo aspetto originario, potendo annoverare numerose architetture di pregio, come le oltre 100 chiese medievali (consacrate e no) le torri, i campanili e i monumentali palazzi rinascimentali di pregevole linearità stilistica.

La città vanta anche suggestivi spazi urbani: il più celebre è sicuramente quello di Piazza dell’Anfiteatro, unico nel suo genere, nato sulle rovine dell’antico anfiteatro romano ad opera dell’architetto Lorenzo Nottolini.

Arteria principale della città storica è la stretta e medievale Via Fillungo, che riunisce i maggiori esercizi commerciali della città.

Per questa sua ricchezza storico-monumentale è stata avanzata di recente la proposta di includere il centro storico di Lucca nella lista del patrimoniodell’umanità dell’UNESCO.

che cosa visitare

Duemila anni di storia di Lucca sono visitabili ogni giorno passeggiando nelle strade e piazze della città. Altrettanti tesori sono conservati nelle numerose collezioni di Lucca e del territorio. I musei nazionali raccolgono le grandi opere ed i manufatti artigianali ed artistici del nostro passato, mentre nelle piccole-grandi raccolte locali si trovano, talvolta, tesori inaspettati.

  • Lu.C.C.A. Lucca Center of Contemporary Art
  • Museo Nazionale di Villa Guinigi
  • Museo Nazionale di Palazzo Mansi e pinacoteca
  • Antico Offizio della Zecca di Lucca
  • Museo Paolo Cresci per la storia dell’emigrazione italiana
  • Complesso Monumentale e Archeologico della Cattedrale di San Martino
  • Museo della Cattedrale di San Martino
  • Museo Italiano del Fumetto e dell’immagine
  • Museo Storico della Liberazione
  • Museo di attrezzi di vita contadina “La Ruota”
  • Museo del Molino di Menicone – San Martino in Freddana

LUCCA E LA SUA PROVINCIA

presentazione

Il territorio della Provincia di Lucca offre un’ampia gamma di paesaggi naturali e itinerari turistici: le famose spiagge della Versilia antistanti il Santuario dei Cetacei, il Lago di Massaciuccoli dove Giacomo Puccini compose i suoi capolavori, le cime delle Alpi Apuane, i Parchi Naturali di San Rossore e delle Alpi Apuane, i boschi della Garfagnana e i numerosi borghi e città d’arte.

Il turista può, inoltre, scoprire accanto alle fattorie dove si producono i vini Docg delle colline Lucchesi e di Montecarlo (cittadina fondata da Carlo V come l’omonima località del Principato di Monaco), gli ateliers del marmo e le fonderie d’arte di Pietrasanta dove i grandi artisti di oggi perpetuano la tradizione iniziata da Michelangelo, oppure risalire il corso del fiume Serchio, partendo da Lucca, passando attraverso Bagni di Lucca e Barga fino ad arrivare a Castelnuovo Garfagnana.

che cosa visitare

Il Ponte del Diavolo: il ponte più famoso della Valle del Serchio, la cui costruzione nella Storia e nella leggenda è affidata a importanti personaggi: Matilde di Canossa, Castruccio Castracani, San Giuliano e il povero Diavolo che, seppur beffato, ha lasciato il suo nome a questa singolare costruzione.

Montecarlo e Nozzano: due incantevoli borghi della Piana di Lucca, conosciuti per numerosi aspetti. Montecarlo, borgo medievale arroccato nelle colline lucchesi con una meravigliosa fortezza, grande produttore di vino; Nozzano tanto famoso per il bellissimo castello che lo domina, che ogni anno all’inizio di settembre ricrea le atmosfere del medioevo con una manifestazione storica.

Barga e Coreglia Antelminelli: rientrano ufficialmente nella lista dei Borghi più belli d’Italia e non si può non essere d’accordo vista la loro bellezza. Veri e propri gioielli dell’Appennino, a breve distanza fra loro, entrambi arroccati, si affacciano sulla valle del Serchio, Barga dominata dal meraviglioso Duomo, Coreglia con dallo scrigno d’arte che è la Chiesa di San Michele del 1000, che affianca la Fortezza e la Torre.

Colognora, Celle e Vetriano: tre borghi incantevoli della Media Valle del Serchio, a poca distanza fra loro, molto caratteristici, in quanto, oltre a possedere le classiche caratteristiche di un borgo, rivelano aspetti che li distinguono e li rendono tanto famosi in tutta Italia e non solo; tra i più celebri patrimoni c’è il teatrino di Vetriano che rientra nei guinness dei primati come il teatro più piccolo del mondo.

Castelnuovo, Borgo a Mozzano e Piazza al Serchio: tre meravigliosi borghi ubicati lungo il fiume Serchio. Si parte con Borgo a Mozzano, incantevole borgo della Valle del Serchio, per proseguire verso le bellissime terre della Garfagnana, con il borgo di Castelnuovo e il suo patrimonio artistico, in particolare la conosciutissima Rocca Ariostesca, fino ad arrivare a Piazza al Serchio, altro incantevole paese che accompagna il fiume verso l’Alta Garfagnana.

Vagli, Careggine, Isola Santa: tre gioielli delle Alpi Apuane, conosciuti per la loro bellezza e per le caratteristiche che li distinguono, Vagli e Isola Santa sono due incantevoli borghi ubicati su laghi artificiali, quello di Vagli particolarmente conosciuto per l’antico paese in fondo al lago; Careggine, ubicato tra i due, tanto particolare per il panorama mozzafiato che si può ammirare.

Castello di Nozzano – Fortezza del Cerruglio – Fortezza delle Verrucole – Torre delle Ore – Rocca di Ghivizzano

Itinerari naturalistici
Antro del Corchia: nei pressi di Levigliani di Stazzema si trova la più profonda grotta naturale d’Italia, una delle più profonde al mondo
Santuario dei cetacei – Parco Marino per l’osservazione dei cetacei
Parco Regionale delle Alpi Apuane Parco naturale di San Rossore, Migliarino e Massaciuccoli

I testi sono forniti dal Servizio Turismo e Promozione del Territorio della Provincia di Lucca.